fbpx
Per creare un e-commerce sono disponibili varie piattaforme. Ecco una bussola per cominciare ad orientarsi.
Piattaforme e-commerce, una scelta importante per iniziare un cammino che può cambiare la storia aziendale

Piattaforme e-commerce, una scelta importante per iniziare un cammino che può cambiare la storia aziendale

L’e-commerce è una grande sfida per tante aziende per cambiare la propria storia ed allargare le possibilità di guadagno.

Questa sfida è, però, già stata vinta da alcune realtà ormai di riferimento.

Gli scenari sono, però, destinati cambiare con l’avvento degli e-commerce sulle piattaforme social e sulle instant chat.

Le prime cinque piattaforme e-commerce presenti sul mercato

Sono cinque le piattaforme più importanti a livello mondiale:

  • Shopify
  • BigCommerce
  • Prestashop
  • Magento
  • Woocommerce

Il loro ruolo non è omogeneo a livello mondiale.

Shopify, ad esempio, è la prima in America e nel resto del mondo, ma in Italia sta ancora inseguendo la vetta, saldamente in mano a Prestashop, che domina letteralmente il mercato.

Le caratteristiche delle diverse piattaforme che le distingono

Ognuna ha, però, una caratteristica fondamentale che diventa un fattore critico di successo. Shopify, ad esempio, privilegia l’estrema semplicità d’uso. Basta creare l’account e si comincia a vendere. Big Commerce segue la stessa idea e punta molto sulla sicurezza e la facilità dei pagamenti. Prestashop è una soluzione opensource molto utilizzata dai negozi, anche perché risulta molto intuitiva.

Magento la soluzione per le realtà che vogliono gestire grandi quantità

Magento è forse il marchio più conosciuto soprattutto tra le realtà con volume di affare molto elevato per la sua completezza.

Rispetto alle altre, la gestione è più onerosa, ma viene comunque considerata l’ipotesi di riferimento per le realtà che puntano a gestire tramite e-commerce grandi quantità di prodotto.

Woocommerce plugin di wordpress e le nuove realtà di settore

All’opposto come caratteristiche risulta Woocommerce.

Privilegia la semplicità, tipo Shopify e BigCommerce, e soprattutto è un plugin di WordPress e quindi è completamente legato a questa piattaforma.

In Italia si stanno affermando anche Wix e Drupal oppure realtà specializzate per determinati segmenti tipo Kajabi, rivolta ai formatori.

La scelta di una piattaforma come inizio di un percorso

In sintesi esistono tante possibilità.

L’azienda, però, prima di tutto deve avere ben chiaro cosa vuole fare con l’e-commerce, quali obiettivi si vogliono raggiungere e soprattutto essere consapevoli che questo è solo il primo passo di un percorso.